IL DOVERE DELL'OSPITALITA'

Perché dovremmo essere noi a sperare nelle capacità di reazione delle popolazioni afgane

Se un nemico si presenta alla porta di una casa in un villaggio afgano e chiede ospitalità, viene accolto senza riserve e trattato come un ospite di riguardo. Anche per questo le foto di queste pagine hanno un alto valore simbolico: al momento di scrivere sono poco più di cento i profughi afgani accolti nelle strutture del nostro territorio. Un dovere, quello dell’accoglienza, che riduce solo in parte l’amarezza per la conclusione della missione Nato e non attenua assolutamente il timore per quanti, invece, da quella terra, non sono riusciti a fuggire. Terminata la prima fase dell’evacuazione, quella dei cittadini occidentali e dei più diretti collaboratori afgani, ora è iniziata la fase più critica e dalla mille implicazioni. Sul piano emotivo, ma anche pratico, il problema maggiore è quello della tutela dei diritti delle donne, delle bambine e dei bambini, in generale delle persone che aspirano a una vita fatta anche di opportunità: di lavorare, di studiare, di sposarsi per amore, di ascoltare musica…e potremmo proseguire nell’elencare situazioni per noi assolutamente normali, ma che per le donne e i giovani afgani rappresentano invece conquiste preziose che ora sembrano perdute per sempre. Queste persone guardano all’occidente oggi con delusione profonda, ma anche e ancora con speranza. Non sanno, forse, che invece dovrebbe essere l’occidente a sperare in loro, nella loro capacità di resistenza e, speriamo, di riscatto. Dovremmo essere noi a sperare che la voglia di studiare delle ragazze e di vivere liberi di tutti, possano diventare il primo fondamentale argine a quello che si sta di nuovo preparando in Afghanistan. Un intero paese aperto ai terroristi, perché questo avverrà, e ai trafficanti di droga, perché questo già avviene. Terrorismo e un fiume di droga, un pericolo mortale per l’occidente, in mano a un gruppo armato, i Talebani, che non pare assolutamente in grado di governare un paese moderno. Anche il loro ispirarsi continuamente a un passato oscuro, da imporre di nuovo, ha questo significato, quello dell’incapacità di gestire il presente, tanto meno il futuro. Ci sono ovviamente anche altre implicazioni, a partire dall’influenza russa o cinese in quell’area. Per questo è importante che l’occidente non lasci cadere l’attenzione intorno alla condizione afgana e, soprattutto, che non abbandoni quelle popolazioni alla loro fiducia tradita.

  

EDIZIONI DELLA CASA S.R.L.

Viale Alfeo Corassori, 72
41124 Modena
Partita Iva IT03443720366
Tel: 059/7875080 

POLICY E COOKIE

Social


Sito realizzato da Damster  Multimedia